RINCARI SELVAGGI DOPO STOP TIR

Andare in basso

RINCARI SELVAGGI DOPO STOP TIR

Messaggio  Giuliano il Ven Dic 14, 2007 9:47 pm



Consumi in frenata Italia. Le prospettive delineate per il 2008 da Confindustria descrivono una forte contrazione, con l'asticella che misura il volume degli acquisti destinata a salire molto meno di quest'anno, fermandosi a quota +1,2%, a fronte di una crescita dell'1,9% nel 2007. E l'Ufficio studi dell'organizzazione degli industriali ritiene che nel 2009 ci sarà solo un miglioramento minimo, una boccata d'ossigeno con una crescita all'1,4%. Ma è sull'anno che sta per aprirsi che si addensano le nubi.

L'allarme lanciato da Confindustria cade in una fase di grande timore per il rialzo di prezzi e tariffe. Timore che investe tutta la zona euro: il tasso annuo d'inflazione misurato da Eurostat è salito a novembre al 3,1% dal 2,6% di ottobre. In Italia, a rinfocolare le polemiche sui prezzi è anche il tema dei rincari legati al blocco degli Tir. Gli effetti delle proteste degli autotrasportatori, che nei giorni scorsi hanno bloccato il paese, continuano a farsi sentire.

E oggi, sul caso, ha preso la parola anche il presidente del Consiglio, Romano Prodi: "Se aumentano i prezzi del 30% per due giorni di stop dell'autotrasporto, vuol dire che si è perso il senso della realtà ", ha dichiarato. Il Codacons parla di speculazioni e si dice pronto a costituirsi parte civile. La Cgil chiede di sanzionare i comportamenti scorretti.

La Cia (Confederazione italiana agricoltori) denuncia rialzi record, nelle ultime ore, per i prezzi al consumo di frutta e verdura (con un picco del 750% per la lattuga) e ha scritto al premier, e ai ministri dell'Interno, dello Sviluppo e dell'Agricoltura, Amato, Bersani e De Castro, per chiedere più controlli, specialmente con il Natale alle porte. Un appello che è stato raccolto. "Se ci sono state fiammate in alcuni prodotti bisogna che rientrino", ha detto oggi Bersani, annunciando un rafforzamento delle verifiche nei punti vendita, anche attraverso le Fiamme Gialle: "Laddove ci sono speculazioni, abbiamo attivato diversi strumenti, la Guardia di Finanza e altri corpi dello Stato", ha detto il ministro.

Getta acqua sul fuoco Confcommercio, che a proposito dei "rincari selvaggi", bersaglio delle critiche, parla di "falso allarme destituito di ogni fondamento" e paventa il pericolo che questo clima abbia un effetto "devastante" sulla fiducia delle famiglie e sulla propensione al consumo. Ma proprio la disponibilità all'acquisto sembra destinata a segnare una battuta d'arresto, il prossimo anno, in base alle previsioni di Viale dell'Astronomia. E certo non solo per motivi contingenti: gli esiti del fermo dei tir sono solo l'ultimo anello di una catena in cui rientrano sia la perdita di potere d'acquisto dei salari sia i rincari.

Da un'indagine resa nota oggi dal Codacons, risulta che tra il 2001 e il 2007 i prezzi di molti beni e prodotti sono più che raddoppiati, mentre la retribuzione media italiana ammonta a poco più 16.500 euro, circa la metà di quella di un cittadino britannico e a netta distanza anche da quella di 24mila euro di un francese.

Fonte ANSA

_________________
·FABER·QUISQUE·EST·SUÆ·FORTUNÆ·
avatar
Giuliano
Centurio Primus Pilus
Centurio Primus Pilus

Numero di messaggi : 498
Età : 42
Città : Roma
Data d'iscrizione : 05.08.07

Visualizza il profilo http://www.legioneromana.com

Torna in alto Andare in basso

Re: RINCARI SELVAGGI DOPO STOP TIR

Messaggio  Giuliano il Ven Dic 14, 2007 10:55 pm

Hadrianus ha scritto:...ma perché per una volta non facciamo che siano i consumatori a scioperare con dignità e da qui all'Epifania non si compri nulla, eccetto i viveri di prima necessità.....
Sarebbe quasi una rivoluzione senza alcuna violenza, solo una grande lezione morale.

Sarebbe il mio sogno! Non sai da quanto profetizzo un alzata di testa di noi italiani, basta con l'italietta fatta di borbottoni che oltre a lamentarsi non fanno niente per uscire da questo circolo vizioso.
Se da oggi fino al 7 gennaio nessuno comprerà: Regali, Panettoni & Pandori, Cotechini... ma anche rinuncerà a cenoni organizzati, feste, ecc... E si concentrerà all'acquisto di soli generi alimentari necessari, detersivi e igiene personale, vedrete che non solo i prezzi scenderanno ma ci penseranno due volte la prossima volte che cercano di dissanguarci!!
Anche per la benzina, sarebbe sufficiente acquistare tutti il prodotto di un solo gestore, tipo uno a caso, tutti all'ERG... per un mese gli altri secondo voi che faranno per tentarci abbasseranno i prezzi!! Come riprovano ad alzarli di nuovo tutti dall'unico che li ha lasciati giù... utopia??

Valete

_________________
·FABER·QUISQUE·EST·SUÆ·FORTUNÆ·
avatar
Giuliano
Centurio Primus Pilus
Centurio Primus Pilus

Numero di messaggi : 498
Età : 42
Città : Roma
Data d'iscrizione : 05.08.07

Visualizza il profilo http://www.legioneromana.com

Torna in alto Andare in basso

Re: RINCARI SELVAGGI DOPO STOP TIR

Messaggio  IlPretoriano il Sab Dic 15, 2007 12:15 pm

Sarebbe un'ottima idea Hadrianus! Magari fosse..
Ma vedi... per come la vedo io, all'italiano piace vivere nella sufficienza. Finchè sta nella sufficienza (morale, economica, politica, religiosa, ideologica ecc..) non si lamenta e non è disposto a scendere in piazza. Solo quando si accorge di aver superato questo limite, ossia quando è troppo tardi, allora si attiva..

Fa sempre più schifo questo stato italiano... non esiste più stato sociale.
avatar
IlPretoriano
Centurio Prior
Centurio Prior

Numero di messaggi : 89
Città : ROMA
Data d'iscrizione : 07.10.07

Visualizza il profilo http://www.ilpretoriano.forumup.it

Torna in alto Andare in basso

Re: RINCARI SELVAGGI DOPO STOP TIR

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum